Camera dei deputati

Decreto misure urgenti in materia di giustizia, Governo pone la fiducia

Nella seduta di martedì 27 dicembre il Ministro per i Rapporti con il Parlamento Ciriani ha posto a nome del Governo la questione di fiducia sull’approvazione, senza emendamenti, subemendamenti ed articoli aggiuntivi, dell’articolo unico del disegno di legge  di conversione, con modificazioni, del decreto 31 ottobre 2022, n. 162, recante misure urgenti in materia di divieto di concessione dei benefici penitenziari nei confronti dei detenuti o internati che non collaborano con la giustizia, nonché in materia di entrata in vigore del decreto legislativo 10 ottobre 2022, n. 150, di obblighi di vaccinazione anti SARS-COV-2 e di prevenzione e contrasto dei raduni illegali (Approvato dal Senato) (C. 705).
Nella parte antimeridiana della seduta si è svolta la discussione generale dello stesso disegno di legge, al termine della quale la Camera ha respinto le questioni pregiudiziali Gianassi ed altri n. 1, Alfonso Colucci ed altri n. 2, Enrico Costa ed altri n. 3 e Dori ed altri n .4, presentate al medesimo disegno di legge.

Nella seduta di martedì 27 dicembre il Ministro per i Rapporti con il Parlamento Ciriani ha posto a nome del Governo la questione di fiducia sull’approvazione, senza emendamenti, subemendamenti ed articoli aggiuntivi, dell’articolo unico del disegno di legge  di conversione, con modificazioni, del decreto 31 ottobre 2022, n. 162, recante misure urgenti in materia di divieto di concessione dei benefici penitenziari nei confronti dei detenuti o internati che non collaborano con la giustizia, nonché in materia di entrata in vigore del decreto legislativo 10 ottobre 2022, n. 150, di obblighi di vaccinazione anti SARS-COV-2 e di prevenzione e contrasto dei raduni illegali (Approvato dal Senato) (C. 705).
Nella parte antimeridiana della seduta si è svolta la discussione generale dello stesso disegno di legge, al termine della quale la Camera ha respinto le questioni pregiudiziali Gianassi ed altri n. 1, Alfonso Colucci ed altri n. 2, Enrico Costa ed altri n. 3 e Dori ed altri n .4, presentate al medesimo disegno di legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6  +  1  =  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci