Cronaca politica

Recovery, Anci: “Clan pronti a fare affari”

ROMA  – “Sui fondi del PNRR non possiamo permetterci di abbassare la guardia; l’allarme lanciato dal procuratore di Napoli Melillo non deve rimanere inascoltato. La criminalità organizzata è pronta a mettere le mani sulle risorse del Piano; tocca alle istituzioni collaborare per mettere in campo azioni efficaci affinché ciò non avvenga”. Lo dice in una nota Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano e vicepresidente nazionale Anci con delega a sicurezza e legalità.

“L’allarme lanciato dal vertice della Procura di Napoli deve indurci ad una seria riflessione, ma soprattutto ad agire – aggiunge -. Il procuratore Melillo traccia un quadro preoccupante che potrebbe avere effetti devastanti, ed invece di ridurre il divario infrastrutturale e di servizi tra il Mezzogiorno d’Italia e il resto dell’Europa, rischia di farci perdere l’ultima occasione che abbiamo. La velocità sugli interventi pone un tema di rafforzamento sul monitoraggio di milioni di euro di finanziamenti erogati dall’Unione europea”.
“Non vogliamo correre il rischio che i soldi destinati a risollevare il Paese nel post-pandemia finiscano per alimentare interessi criminali. La Campania in particolare ha già vissuto un’occasione di rilancio nel periodo del post-terremoto – sottolinea il vicepresidente Anci – e sappiamo come è andata. Ora non possiamo ripetere analoghi errori, perché non possiamo permetterci di perdere questa occasione storica”.
(ITALPRESS).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1  +  8  =  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci