mattarellabis 670x450 1 e1643578667612 compress 0
Politica nazionale

Mattarella dal Quirinale: un nuovo Appello alla Responsabilità Etica per partiti, politici e cittadini 

Di Antonino Giannone

Dei numerosi temi importantie di alta criticità per le emergenze del nostroPaese, che ha affrontato il Presidente  Sergio Mattarella,  nel suo discorso d’insediamento , davanti a tutti i grandi Elettori in Parlamento e davanti al Popolo italiano in ascolto sulle reti televisive,  non sarà sfuggito a chi lo ha ascoltato la citazione della parola Dignità  per ben 18 volte!

La Dignità è   il valore che ogni uomo possiede per il semplice fatto di essere uomo e di esistere; è ciò che qualifica la persona, come individuo unico e irripetibile.

Il valore dell’esistenza individuale è dunque l’autentico fondamento della dignità umana.

Secondo San Tommaso d’Aquino (1) e la concezione cristiana, la dignità dell’uomo sta nel suo essere creato a immagine e somiglianza di Dio e nella sua capacità di orientare le proprie scelte in una continua tensione etica verso Dio

Per Immanuel Kant (2) , la dignità  dell’uomo sta nel suo essere razionale e capace di vita morale, ed  “ è ciò che gli impone di agire sempre, in modo da trattare l’uomo, così in te come negli altri, sempre anche come fine e mai solo come mezzo”.

Ebbene il discorso di Sergio Mattarella è stato un discorso basato su due termini (key word ) come si usa evidenziare negli abstract di una Relazione scientifica: Dignità e Responsabilità etica da tenere presenti in tutte le principali sfide di progetti politici che ci attendono con il  PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e nella convivenza sociale.

E’ stato un discorso come una nuova chiamata alla responsabilitàetica dei politici, anche se molti di loro  non siederanno più in Parlamento, dopo le elezioni del 2023.

Spiegare a tutti, questi due termini come la bussola per l’orientamento dell’azione politica, sociale economica, significa per il nostro Presidente Mattarella riconoscere nella Responsabilità Etica e nel rispetto della Dignità  due pilastri portanti della Mission culturale e politica dei prossimi anni per gestire il grande cambiamento della società con la Transizione Ecologica, la Digitalizzazione e Nuovi Sistemi di Organizzazione del Lavoro, di Formazione e Welfare.

Nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948 si legge che «l’unico e sufficiente titolo necessario per il riconoscimento della dignita’ di un individuo è la sua partecipazione alla comune umanità». 

Il principio di uguaglianza e non discriminazione, fondato sul riconoscimento della pari dignità ontologica di ciascun uomo, costituisce, infatti, il cardine della moderna civiltà giuridica e dello stato di diritto. 

Pertanto, ogni persona è tutelata dal diritto in maniera diretta e immediata in virtù del valore autonomo e intrinseco della sua dignità.

Per questo una società giusta può essere realizzata solo nel rispetto e nella promozione della dignita’ di ogni persona, fine e valore in sé. Quindi il Presidente Mattarella, nel suo discorso di insediamento, ha solennemente affermato che:

– “la Dignità è impedire violenza sulle donne”, 

profonda, inaccettabile piaga che deve essere contrastata con vigore e sanata con la forza della cultura, dell’educazione, dell’esempio;

– “la Dignità è opporsi a razzismo e antisemitismo“, aggressioni intollerabili, non soltanto alle minoranze fatte oggetto di violenza, fisica o verbale, ma alla coscienza di ciascuno di noi”

– “la Dignità è azzerare le morti sul lavoro, che feriscono la società e la coscienza di ognuno di noi” . Perché la sicurezza del lavoro, di ogni lavoratore, riguarda il valore che attribuiamo alla vita. Mai più, quindi, tragedie come quella del giovane Lorenzo Parelli, entrato in fabbrica per un progetto scuola-lavoro. Quasi ogni giorno veniamo richiamati drammaticamente a questo primario dovere della nostra società.

– “la Dignità e’ Ascoltare la voce degli Studenti, che avvertono tutte le difficoltà del loro domani”. I nostri Giovani Millennials, Figli e Nipoti,  cercano di esprimere esigenze, domande volte a superare squilibri e contraddizioni enormi nella società della globalizzazione a tutte le latitudini con la ricchezza prodotta nel mondo nelle mani di qualche decine di persone  rispetto a 3,5 miliardi di persone (Rapporto Oxfam)

– “la Dignità deve restare nella Scuola che  sa accogliere e trasmettere preparazione e cultura, come complesso dei valori e dei principi che fondano le ragioni del nostro stare insieme; una scuola volta ad assicurare parità di condizioni e di opportunità”.

– “la Dignità è garantire e assicurare il diritto dei cittadini a un’informazione libera e indipendente”

– “La Dignità e’ una pietra angolare del nostro impegno,  della nostra passione civile” 

– “la Dignità sta nella Pace dei Popoli

dell’Unione Europea che devono essere consapevoli che ad essi tocca un ruolo

di sostegno ai processi di stabilizzazione e di pace nel martoriato panorama mediterraneo e medio- orientale”

Nel discorso del Presidente, interrotto per 52 volte dagli applausi dei grandi elettori, abbiamo letto tutta la sua cultura ispirata ai valori dell’Umanesimo integrale di Jacques Maritain (3) e Jean Guitton (4) sullo sviluppo della persona e il rispetto della Persona; i principi del Personalismo di Emmanuel Mounier (5) e del Popolarismo di Don Luigi Sturzo (6) di “ Servire la Politica e non servirsi della politica”

Per la Giustizia, servirà un profondo processo riformatore per ripristinare la certezza del Diritto, con l’indipendenza e l’autonomia della Magistratura, ma ripristinando un clima di fiducia che oggi i cittadini non nutrono più e che richiedono sempre più efficienza e credibilità.

Il presidente della Repubblica ha anche ricordato la testimonianza di due grandi italiani: l’attrice Monica Vitti (7)) e Davide Sassoli (8)  “ Desidero ricordare in quest’aula il Presidente di un’altra Assemblea parlamentare, quella europea, David Sassoli. La sua testimonianza di uomo mite e coraggioso, sempre aperto al dialogo e capace di rappresentare le istituzioni democratiche ai livelli più alti, e’ entrata nell’animo degli italiani”. Ha ricordato le sue ultime: “la speranza siamo noi quando non chiudiamo gli occhi a chi ha bisogno”

Sarà certamente il problema dei problemi nella società della globalizzazione e dell’era digitale riuscire a ridurre le diseguaglianze enormi che ci sono non solo in Italia. Su questo tema critico e sulla Responsabilità etica, nel II° mandato del Presidente Mattarella, si misurerà la Politica  con la P maiuscola.

Ci auguriamo che avvenga questa svolta per un miglior futuro dei Millennials e della Democrazia in Italia.

Antonino Giannone

Prof. Leadership and Ethics, Corso di Laurea Magistrale in Business Management- Link Campus University di Roma.  – Fellow of  ICELAB del Politecnico di Torino

(1) Tommaso d’Aquino (Roccasecca, 1225 – Abbazia di Fossanova, 7 marzo 1274) è stato un religioso, teologo, filosofo e accademico italiano,  canonizzato Santo nel 1323 da papa Giovanni  XXII

(2) Immanuel Kant è stato un filosofo tedesco, considerato uno dei più importanti filosofi del pensiero occidentale, anticipatore degli elementi basilari della filosofia idealistica. Nato: 22 aprile 1724,  Morto 12 febbraio 1804- Konigsberg

(3) Jacques Maritain è stato un filosofo francese, allievo di Henri Bergson, convertitosi al cattolicesimo. 18/11/1882, Parigi- 28/04/1973,Tolosa

(4)  Jean Guitton è stato un filosofo francese, esponente del pensiero cattolico, nominato, da papa Paolo VI, primo uditore laico al Concilio Vaticano II. Nato: 18/08/1901, Saint- Etienne, Francia- Morte 21/03/1999, Parigi, Francia

(5) Emmanuel Mounier, noto per aver definito la posizione filosofica del personalismo comunitario. Nascita: 01/05/1905, Grenoble, Francia-Morte: 22/03/1950 Chatenay – Malabry, Francia

(6) Luigi Sturzo- Nascita: 26/11/1871, Caltagirone- Morte: 8/08/1959, Roma. Fondatore Partito Popolare Italiano (1919)

(7) Monica Vitti è stata una grande attrice del cinema italiano per quasi quarant’anni. Nascita:3/11/1931, Roma- Morte 2/02/ 2022, Roma. Leone d’oro alla carriera

(8)  Davide Sassoli, Nascita:30/05/1956, Firenze- Morte: 11/01/2022 Aviano

One thought on “Mattarella dal Quirinale: un nuovo Appello alla Responsabilità Etica per partiti, politici e cittadini 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3  +  4  =  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci